Monreale, una foto al Chiostro costa 51 euro (ma pagano solo gli sposi)

A stabilirlo è una norma della Soprintendenza. Massimo dieci gli scatti autorizzati. Dovrebbero pagare tutti ma la procedura è contorta così i visitatori vengono risparmiati. Il consigliere comunale Marco Intravaia: "Cifra spropositata, urge rivedere la norma"

Il Chiostro di Monreale - Foto di G.Scafidi

Immortalare il giorno del fatidico sì nella splendida cornice del Chiostro dei Benedettini di Monreale costa caro. La Soprintendenza ai Beni culturali fa pagare ai novelli sposi 51 euro a foto, fino ad un massimo di 10 scatti. Un totale quindi di oltre 500 euro. Una cifra spropositata secondo il consigliere comunale Marco Intravaia che ha chiesto alla Soprintendenza di rivedere la norma al fine di abbassare il prezzo. A portare agli onori della cronaca la vicenda è stata una coppia di futuri sposi che ha raccontato dal sito Filodiretto Monreale la procedura, abbastanza complicata.

Affinchè il set fotografico venga autorizzato bisogna effettuare un versamento, tramite bollettino postale o su conto corrente, intestato a Cassiere della Regione Siciliana Palermo, indicando come causale “riproduzione documenti da imputare al Cap. 1902 Capo 14 del Bilancio Regionale ;- Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo”. Dopo aver pagato, i richiedenti devono trasmettere la copia del versamento alla Regione e solo dopo, l’ufficio preposto autorizzerà gli scatti. La norma stabilisce che tutti i visitatori devono pagare per fotografare il bene culturale ma è praticamente impossibile far rispettare questa regola quindi alla fine pagano solo gli sposi.

“E’ una vessazione insopportabile nei confronti di chi ha il solo torto di decidere di sposarsi - conclude Intravaia - tanto più se è residente a Monreale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento