Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

"Colpita da un tumore al seno, ho portato avanti la mia vita col sorriso grazie all'equipe del Policlinico"

Torna a "Colpita da un tumore al seno, ho portato avanti la mia vita col sorriso grazie all'equipe del Policlinico"

Commenti (2)

  • L'unico reparto che fa schifo al policlinico è il reparto di chirurgia generale, dove regna tanta negligenza e tanto magna magna, infiermeri che sbagliano a dare medicine o a mettere flebo, dottori che sono solo buoni a passeggiare e a dormire e tirocinanti lasciati soli dove non sanno che caspita fare e temporeggiando solamente, oltre a PARACETAMOLO non sanno dare, e neanche sanno leggere la terapia da dare ai degenti non rispettando orari e i parenti devo ricordare loro che è l'ora della medicina. STATENE ALLA LARGA.

  • Confermo l'eccellenza dei medici, infermieri, tirocinanti e di tutto lo staff del Policlinico di Palermo. Il mio caso un po', diciamolo disperato, ma finito bene. Moltissime strutture di Palermo, mi hanno sbagliato la diagnosi. Facevo prevenzione da 20 anni, pur avendone solo 42 perché avevo un seno fibrocistico, frequentemente dolente. A 42 anni il mio quadro clinico era critico, dolori al seno, formazione sottocutanea di una ghiandolina dolorosissima sopra il capezzolo, che da pochi mm in un paio di mesi era arrivato a 4,50 cm, tachicardia, forte astenia, vertigini, vomito... ma da tutti sottovalutato, diagnosi: "fibroadenoma, perché tutto quello che è doloroso è benigno e stress". Solo la professionalità della radiologa la dott.ssa D'AGOSTINO del Policlinico, subito allertata del mio quadro, ha dato una svolta alla mia vita, permettendo alle mie bambine di avere ancora oggi una mamma! Il dott. IENZI (senologo) mi ha descritto con gli occhi e l'affetto umano, la tremenda diagnosi, facendomi immediatamente l'agoaspirato. Da li, la mia corsa contro il tempo. Gli amici volevano convincermi a partire per il viaggio della speranza a Milano. Ma io ho voluto fidarmi di chi si stava prendendo, con tanta attenzione, amore e professionalità, cura di me. Sono stata presa in carico dalla dott.ssa RINALDI (oncologa di eccellenza), la dott.ssa Angela e le altre dottoresse che operano nello suo staff, meravigliose!. Ho fatto la chemio neoaudiuvante (prima dell' intervento), per rimpicciolire il mostro e ha funzionato! nessun residuo! In sala, infermieri umani e professionali, pian piano si creava una grande famiglia, in cui ci chiamavamo per nome (Maria, Lucio, Gaspare per dirne alcuni). Il supporto Psicologico è stato fondamentale. Dopo ho fatto l'intervento di mastectomia con il mitico dott. VIENI (il TOP!) e la sua brillante Assistente, la dottoressa Lupo, in collaborazione con il meticoloso dott. PIRRELLO che ha curato la chirurgia plastica (estetica) per una donna "fondamentale". Nel percorso tanti bravissimi dottori sia professori che tirocinanti (cardiologi, radiologhi, anestesisti, per dirne qualcuno). Oggi torno al Policlinico ai followap con serenità. Perché so che ognuno di loro fa bene il suo lavoro e ci mette ogni giorno, passione, altruismo, competenza, professionalità, umanità, stringendo i denti sulle difficoltà della nostra Sanità. Il POLICLINICO È ormai la mia famiglia, dove sono rinata e continuerò a crescere. Basta viaggi della speranza! Si deve investire sul territorio e premiare queste realtà! Per chi si ammala è fondamentale non staccarsi dalla propria vita, dai propri affetti.

Torna su
PalermoToday è in caricamento