Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

"Tagliati col rasoio e inviami le foto": palermitana vittima del Blue Whale, 23enne a processo

Una 12enne è stata adescata attraverso Facebook e Instagram e poi obbligata a "plurimi atti di autolesionismo". Rinviata a giudizio una ragazza milanese: è il primo caso in Italia che finisce in un aula di tribunale
Torna a "Tagliati col rasoio e inviami le foto": palermitana vittima del Blue Whale, 23enne a processo

Commenti (12)

  • Internet sta dando di che lavorare ai Sociologi per altri cento anni.

    • E non solo.

  • I genitori possono ben poco...negli smartphone ci sono password e codici...uno che lavora e torna la,sera stanco vuole solo mangiare e dormire...se si chiede di stare più con.i figli a lavoro ti guardano male...allora si metta la parole fine a questa continua condanna dei genitori

  • giocare con la vita degli altri...MALEDETTA

  • Vorrei trovarlo io uno di questi

  • In testa hanno ***** non cervello ! Io gli taglierei le ***** se lo Incontrassi !!!

  • La mente umana, questa sconosciuta, ancora tutta da esplorare con il web dove è vero quel vedi, come diceva quella tizia, perché fatto all'ombra di un'anonimato che ti dà un coraggio virtuale.

  • Assassini telematici

  • Una generazione immersa in tutta questa tecnologia innovativa e globalizzata per la prima volta nella storia dell'umanità sarà stato uno shok per le loro menti fragili e deboli incapaci di gestire uno show a tutti i costi senza la ragione generando questi mostri che non promettono niente di buono. I genitori che colpa ne hanno se anche loro non si sono abituati.

  • Un gioco falso, messo in rete ed amplificato dai media. Gli emulatori han fatto il resto.

    • Qualunque cosa sia e di chiunque sia la colpa, è terribile! Pericoloso e spaventoso. Genitori tenete alta la guardia!

      • Sì, infatti gli emulatori hanno avuto il ruolo finale. Ma bisognerebbe evitare di dar eco a tali stupidaggini.

Torna su
PalermoToday è in caricamento