AMARCORD1983

AMARCORD1983

L'11 settembre della mafia palermitana: la tragica fine dei figli di Buscetta

Chi conosceva bene don Masino racconta di averlo visto piangere solo una volta. Quando gli arrivò la notizia della morte di Benedetto e Antonio

Don Masino Buscetta

Chi conosceva bene Masino Buscetta racconta di averlo visto piangere solo una volta. Quando gli arrivò la notizia della morte dei suoi due figli. Prima rapiti, poi strangolati, torturati e uccisi su ordine di Riina perché svelassero il luogo dove si nascondeva il papà. Dici 11 settembre e pensi alle Torri Gemelle. Ma un altro 11 settembre è una data simbolo nella guerra di mafia palermitana. E' il 1982, 37 anni fa esatti. Benedetto Buscetta e Antonio Buscetta - figli del boss dei due mondi - di 34 e 32 anni, vengono rapiti a Palermo mentre stanno per salire sulla loro auto. Inghiottiti per sempre dalla lupara bianca. Vengono torturati da Pippo Calò, Salvatore Cancemi e altri mafiosi che volevano scoprire dove Don Masino si fosse rifugiato. I cadaveri furono in seguito bruciati e mai più ritrovati.

Siamo all'inizio degli anni Ottanta. Da poco si è sparsa la voce dell'improvviso tradimento di Tommaso Buscetta, e le famiglie di Cosa nostra cominciano a cucinare le loro vendette trasversali, nel tentativo di imporgli il silenzio. Sono settimane di sangue. Alla fine al super boss gli vengono uccisi 14 tra figli, nipoti, generi e cognati. La tragica fine di Antonio e Benedetto restò per sempre una spina conficcata nel cuore di Buscetta. Era questo il suo più grande dolore, perché Don Masino non aveva potuto fare nulla per strapparli alla morte. E dire che i suoi due figli non lo avrebbero mai tradito anche perché non sapevano realmente dove vivesse il padre e quindi non potevano neanche dirlo ai loro assassini. Ovvero: Pippo Calò e Totò Cancemi, il macellaio di Porta Nuova, poi pentito.

I due mafiosi una volta si trovarono di fronte durante il processo per le stragi di Capaci e di via D'Amelio. Davanti alla Corte d'Assise d'appello Cancemi chiese a Calò: "Perché non hai fermato Riina quando assieme abbiamo torturato i figli di Tommaso Buscetta?". Silenzio. La vendetta di Cosa nostra non si ferma dopo quell'11 settembre. A distanza di appena un mese tre killer fanno irruzione nella pizzeria New York Place e uccidono Giuseppe Genova, genero di don Masino (marito di Felicia Buscetta) assieme a due cugini. E il 29 dicembre, sempre del 1982, vengono eliminati il fratello di don Masino, Vincenzo e il nipote Benny.

A quel punto il boss italo-americano decide di tornare a Palermo per sistemare i conti di persona e uccidere Pippo Calò, che aveva fatto causa comune con i Corleonesi. Ma proprio mentre sta cercando gli appoggi giusti per rientrare nella sua città, il boss dei due mondi viene arrestato dalla polizia brasiliana: 40 agenti circondano la sua abitazione a San Paolo e lo bloccano mentre è in compagnia di Leonardo Badalamenti, figlio del boss Gaetano. Da qui in poi cambia tutto per Cosa nostra. Perché Buscetta incontra Falcone, "canta" e rivela al mondo com'è fatta la mafia.

LEGGI LE ALTRE STORIE DI AMARCORD CLICCANDO QUESTO LINK

SEGUICI SU FACEBOOK CLICCANDO QUESTO LINK

AMARCORD1983

Alessandro e Francesco. Già uniti dal destino alla nascita, ci siamo affacciati a questo mondo a sei mesi esatti di distanza l'uno dall'altro. In quel 1983 che diede alla luce tanti frutti di amori nati durante il Mundial di Spagna. Si narra che uno di noi due sia stato concepito dopo Italia-Brasile 3-2, in compenso l'altro è nato il giorno di Trabzonspor-Inter 1-0. Al trionfo del Bernabeu del 1982 rendiamo omaggio nella testata del nostro blog con la mitica partita a scopone in aereo tra Zoff, Causio, Bearzot e Pertini. E la coppa sul tavolo. Di Trabzonspor-Inter 1-0, non abbiamo trovato foto. Amanti delle date, delle statistiche e delle coincidenze. Ma soprattutto innamorati dell'amarcord. In questo spazio ne racconteremo parecchi, provenienti dal pianeta sport e non solo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Già

  • brividi

Torna su
PalermoToday è in caricamento