Unione Siciliani: "Per i nostri ponti ci vogliono 5 anni, a Genova invece fanno subito i lavori"

Prosegue la campagna “Ora basta” di Unione dei Sicilia – Sicilia Nazione. Obiettivo: "evidenziare con chiarezza le diseguaglianze che colpiscono la Sicilia rispetto al Nord del Paese"

I lavori sul ponte Himera

Prosegue la campagna “Ora basta” di Unione dei Sicilia – Sicilia Nazione. Obiettivo: evidenziare con chiarezza le diseguaglianze che colpiscono la Sicilia rispetto al Nord del Paese. Dopo il video che contestava lo spot delle ferrovie sull’alta velocità che avrebbe cambiato il modo di viaggiare degli italiani e che mancava però di ricordare che in Sicilia e in gran parte del Sud l’alta velocità non esiste, è stato pubblicato oggi il nuovo video prodotto da Unione dei Sicilia – Sicilia Nazione che evidenzia "il diverso modo di comportarsi dello Stato italiano a fronte di due fatti sostanzialmente simili entrambi di competenza nazionale".

"Ad aprile 2015 -si legge - crolla il Ponte Himera sull’autostrada Palermo Catania. La Sicilia viene divisa in due. Il danno economico è inestimabile. Per assegnare i lavori passano addirittura tre anni. Per l’avvio dei lavori occorrono ben 45 mesi. Se tutto va bene il nuovo ponte sarà pronto nel maggio 2020, cinque anni e un mese dopo il crollo. Ad agosto 2018 crolla il Ponte Morandi a Genova. La Liguria subisce un danno economico inestimabile. Ma lo Stato italiano reagisce in modo diverso. I lavori vengono assegnati in 3 mesi e avviati in cinque. Il nuovo ponte sarà pronto nel dicembre 2019. E si tratta di lavori molto più complessi per i quali sono infatti stati stanziati ben 210 milioni di euro contro gli appena 11 necessari per ricostruire il ponte in Sicilia.

“Il nostro obiettivo – dichiara Rino Piscitello – Coordinatore nazionale di  Unione dei Sicilia – Sicilia Nazione è quello di fare crescere nei siciliani la coscienza che i governi che si sono succeduti a Roma hanno continuato a trattare i siciliani come italiani di serie B e che è arrivato il momento di dire basta e di mettere in evidenza ogni singola diseguaglianza. Il confronto tra i due ponti crollati è soltanto un esempio. Non si tratta – ha concluso Piscitello – di assumere un atteggiamento piagnone, né di disconoscere le enormi responsabilità di molte delle classi politiche siciliane degli ultimi decenni. Si tratta più semplicemente di rivendicare senza sconti tuti i diritti che ci sono stati negati”.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "I picciuli o ti finisci male": incappucciati, con pistola e accetta rapinano distributore di benzina

  • Politica

    "Cittadino italiano", il giuramento davanti al sindaco: risolto il caso del giovane figlio di rifugiati

  • Cronaca

    Omicidio a Partinico, donna accoltella il marito e poi si costituisce

  • Cronaca

    "Finiti i lavori sul ponte di via Basile": viale Regione torna alla normalità

I più letti della settimana

  • Boss si pente, terremoto nella mafia palermitana: arrestati il nipote del "Papa" e il figlio di Lo Piccolo

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, auto contro scooter: morto sedicenne

  • Via Oreto, muore d'infarto mentre è al volante

  • Inseguimento da film, furgone contromano in viale Regione si scontra con la polizia: 4 feriti

  • Maxi incidente al porto, coinvolte tre auto e una volante della polizia

  • Tragedia al Tc3, morto assicuratore: 10 anni fa attraversò lo stretto di Gibilterra a nuoto

Torna su
PalermoToday è in caricamento