Covid-19: cresce la preoccupazione dei siciliani: 9 su 10 temono di restare contagiati

L'indagine dell’Istituto Demopolis. La gestione dell’emergenza da parte delle strutture sanitarie e la riorganizzazione in atto a livello regionale è ampiamente apprezzata dai cittadini. Ma c'è allarme sulla carenza di macchinari

Più di 9 siciliani su 10 si dichiarano oggi preoccupati per la diffusione del Coronavirus nell’Isola: con un trend cresciuto di 80 punti in poco più di 50 giorni, dal 12% di fine gennaio al 92% odierno. E' uno dei dati che emerge dall’indagine condotta in Sicilia dall’Istituto Demopolis, i cui risultati sono stati presentati dal direttore di Demopolis Pietro Vento. La gestione dell’emergenza da parte delle strutture sanitarie e la riorganizzazione in atto a livello regionale è ampiamente apprezzata dai cittadini. Ma - spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento - pesa, in Sicilia così come in molte altre regioni, l’allarme sulla carenza di ventilatori polmonari e di dispositivi medici necessari per contrastare il Covid-19 in vista del picco atteso in aprile. 

I timori di contagio restano altissimi e prevalgono per il momento sulle crescenti preoccupazioni economiche. La conferma viene anche dalla graduatoria delle misure del Decreto Legge “Cura Italia” maggiormente condivise: al primo posto, secondo l’analisi dell’Istituto Demopolis, gli investimenti per l’aumento consistente delle attrezzature e dei posti di terapia intensiva, apprezzati dal 90% dei siciliani; l’83% condivide la scelta di puntare a 20 mila assunzioni di medici e infermieri. Seguono le misure economiche: 2 su 3 approvano la cassa integrazione in deroga per tutti i lavoratori, il 65% la sospensione degli adempimenti fiscali e contributivi. 

Intanto, dopo i ripetuti allarmi del Presidente della Regione Nello Musumeci sugli arrivi in Sicilia e sui controlli non adeguati nello Stretto, la decisione del Governo di limitare drasticamente gli arrivi nell’Isola risulta apprezzata dalla quasi totalità dei cittadini: l’88% dei siciliani la ritiene necessaria. Anche il blocco degli spostamenti da un Comune all’altro per contenere l’estensione del contagio è ritenuto giusto dall’85% dei siciliani. È un valore sorprendente, afferma il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento, che conferma la disponibilità ad accettare limitazioni pur di uscire al più presto da quest’emergenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Approfondimenti su: www.demopolis.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Soccorsa in strada a Ballarò, donna di 30 anni muore prima dell'arrivo in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento