"Vogliamo incontrare Baglioni", giovani con la sindrome di Williams volano a Sanremo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Hanno un sogno nel cuore: conoscere Claudio Baglioni e salire sul palco dell’Ariston. I ragazzi dell’Associazione italiana nazionale Sindrome di Williams per il 14esimo anno consecutivo anche quest’anno andranno al Festival di Sanremo per esibirsi e cantare con il cuore. Sono ragazzi che vengono dalle regioni Calabria, Puglia, Basilicata, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Sicilia e durante la settimana della kermesse sanremese si incontrano e danno vita alle loro passioni. Aspettano questo appuntamento tutto l’anno e vivono nell’attesa di quest’avventura. Per molti è l’occasione di essere protagonisti, per altri, come i ragazzi speciali siciliani, avvezzi ormai ai palcoscenici perché studiano e si esibiscono tutto l’anno, è l’ennesima opportunità per dimostrare che anche con addosso la disabilità, si possono coltivare talenti e passioni, provare emozioni e realizzare i sogni. Dal 6 al 10 febbraio, i ragazzi speciali parteciperanno a Sanremo…DOC, manifestazione musicale, parallela al Festival della Musica Italiana di Sanremo, che dà l’opportunità di esibirsi ai talenti in erba, normodotati e anche disabili. Dinanzi al pubblico, canteranno, si esibiranno, sorrideranno e vivranno le loro emozioni in un luogo aperto, condividendole con tutti. Sabato 9 febbraio presso l’Auditorium di Sanremo si terrà il convegno organizzato dall’Associazione italiana nazionale Sindrome di Williams, dal titolo “L’Arte come strumento di riabilitazione” aperto a tutti, con l’obiettivo di informare l’opinione pubblica che anche le persone con disabilità possono vivere di arte, possono esprimere personalità e stati d’animo, dare voce ai loro pensieri e condividere le loro emozioni. L’arte aiuta a scoprirsi, a conoscere i limiti e a superarli, a scoprire ed apprezzare le proprie abilità. Durante il convegno, sarà sperimentato, in diretta, un laboratorio di pittura all’interno del quale, con i disegni, i ragazzi potranno descrivere le loro sensazioni e il loro modo di vivere e sentire il mondo. A fine convegno, i ragazzi si esibiranno nelle loro performance. A Sanremo ormai li conoscono tutti. Sono stati in questi anni, ospiti di numerose trasmissioni Rai, hanno assistito alle serate del Festival al Teatro Ariston, seduti in platea, ma il loro sogno è quello di salire su quel palco importante e sentirsi veri cantanti, stringere la mano a Claudio Baglioni e dirgli quanto amano lui e le sue canzoni. E il sogno è così grande che i ragazzi si sono fatti aiutare a scrivere una lettera e l’hanno inviata a Claudio Baglioni in persona. I ragazzi chiedono al direttore artistico del Festival di regalare loro un sogno, calcare il palcoscenico più importante per chi, come loro ama cantare, e allo stesso tempo poter mostrare il loro essere unici oltre le difficoltà ed i pregiudizi, poter insegnare a tutti quanto la forza di volontà possa fare la differenza in un mondo che si spera, un giorno, possa esser fatto di autenticità e condivisione, di diversità ed uguaglianza, di rispetto e dignità.

Torna su
PalermoToday è in caricamento