Il premio nazionale di poesia "L’arte in versi" celebra la palermitana Maria Ermegilda Fuxa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nell'ambito del premio nazionale di poesia "L’arte in versi" di Jesi (Ancona) sarà attribuito un riconoscimento speciale alla memoria alla
poetessa Maria Ermegilda Fuxa, nata ad Alia nel 1913 e morta a Palermo, dopo vari anni trascorsi in manicomio, nel 2004.

Dall’animo taciturno, Maria Ermegilda Fuxa si mostrò, nel corso della sua tribolata esistenza, particolarmente affascinata e legata a vari settori artistici: amava la scrittura, in particolar modo la poesia (molto, addirittura, il vernacolo che la legava alla sua terra) e finanche la
musica al punto da trovare ispirazione in Schubert, Mendelssohn e Beethoven. Tuttavia il senso d’in-appartenenza al mondo, la sua marcata solitudine e la non inclusione al gruppo familiare, uniti al disinganno amoroso fece sì che venisse trascinata in una vera depressione che le aprirà le porte dell’istituto manicomiale. La sua penna è testimone lucida di quei dolorosi momenti, descritti con automatismo e schiettezza al punto da percepirli così vividi ancor oggi. La sua produzione poetica è contenuta in tre lavori pubblicati dall’ASLA (Accademia Siciliana Letteratura ed Arti): Voce dei senza voce (1980), Lasciatemi almeno la speranza (1984) e Paesaggi d’anima (1990); quest’ultima opere è adornata da una presentazione di Giuseppe Impastato. 

La poetessa siciliana Maria Teresa Lentini, che ha recentemente pubblicato il saggio dal titolo La voce della crisalide - sulla vita della poetessa Maria E. Fuxa ed altre cronache, interverrà nel corso della premiazione che si terrà a Jesi (Ancona), sabato 16 novembre 2019, presso la Sala Maggiore del Palazzo dei Convegni, durante la quale Maria E. Fuxa verrà ricordata con la lettura di alcune sue poesie e della motivazione che il presidente, Lorenzo Spurio, ha inteso produrre per giustificare l'attribuzione del premio.

Il concorso, che ha visto quale presidente di giuria la poetessa romana Michela Zanarella e che, come ogni anno ha visto un grande afflusso in termini di partecipazioni, dedicherà spazio anche ad altri due premi speciali: il premio alla carriera alla poetessa brasiliana Márcia Theóphilo e il premio alla cultura alla poetessa abruzzese Rosanna Di Iorio. L’iniziativa dell’Associazione Culturale Euterpe, alla sua ottava edizione, è patrocinata dalla Regione Marche, dall’Assemblea Legislativa della Regione Marche, dalla provincia di Ancona, dai Comuni di Jesi, Ancona e Senigallia e da numerose associazioni culturali di varie regioni italiani che, esternamente, collaborano al premio.

Torna su
PalermoToday è in caricamento