Premio “Beato padre Pino Puglisi”: degustazione di street food offerta da Nino ‘u Ballerino

Il famoso street food chef di corso Olivuzza conferma l'impegno umanitario a favore dei più deboli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il cibo da strada di Nino‘u Ballerino al servizio di una serata speciale, dedicata a chi soffre e a chi ha sacrificato la propria vita in nome di ideali altissimi. C’è anche lui, il famoso focaccere di corso Olivuzza, tra gli sponsor della quattordicesima edizione del Premio Internazionale “Beato Padre Pino Puglisi” ideato da Don Antonio Garau, sempre in prima linea nel sociale, che si terrà lunedì 3 dicembre a Palermo presso gli spazi del Teatro Politeama, a partire dalle 21:00. Il Premio è dedicato , quest’anno, ai piccoli yemeniti e in particolare ad Amal, la bambina morta per fame a sette anni qualche settimana fa, la cui foto era stata pubblicata dal New York Times per risvegliare le coscienze su un conflitto dimenticato da molti. La novità dell’edizione 2018 è rappresentata dal fatto che la giuria del Premio sarà presieduta dall’arcivescovo di Palermo Monsignore Corrado Lorefice. “Sono profondamente onorato di potere offrire il mio contributo a una manifestazione di così alto rilievo – afferma Nino – e rendere così omaggio, da credente, alla straordinaria figura del Beato Padre Pino Puglisi, un uomo indimenticabile”. “Credo inoltre – conclude – che la tragedia dei bambini dello Yemen debba indurre tutti noi a riflettere sulla necessità di supportare il mondo dell’infanzia, a qualsiasi latitudine”. L’ impegno umanitario di Nino procede di pari passo ai riconoscimenti professionali : recentemente, infatti, è stato insignito del prestigioso premio “Via Montalbo 2018” dall’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Sandro Pappalardo per avere dato rilievo internazionale allo street food palermitano grazie alle sue doti comunicative.

Torna su
PalermoToday è in caricamento