Matrimonio multietnico a Piana degli Albanesi, il sindaco: "L'accoglienza nel nostro dna"

Il primo cittadino Rosario Petta ha celebrato le nozze tra Enza, nata e cresciuta nel paese palermitano e Jean Marie, ospite del centro Sprar da diversi anni

Gli sposi e il sindaco Petta

Lei si chiama Enza, è nata e cresciuta a Piana degli Albanesi; lui si chiama Jean Marie, ed ospite del centro Sprar da diversi anni. Lei indossa un abito lungo dove bianco e nero si abbracciano fasciando la figura, lui un elegante completo ovviamente bianco e nero. Entrambi hanno lo sguardo felice di chi ha tagliato un traguardo importante: sono diventati marito e moglie. 

Una favola moderna che suona quasi come una risposta a chi vorrebbe porte chiuse e confini invalicabili. La storia di un legame capace non di annullare le differenze, ma di armonizzarle facendo nascere qualcosa di unico come una nuova famiglia.

piana matrimonio multietnico2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cerimonia è stata celebrata dal sindaco dal sindaco Rosario Petta. "E' molto emozionante vedere realizzato un nobile obiettivo per i due ragazzi e riconoscere anche in questa celebrazione il significato più pieno della parola 'integrazione. Piana degli Albanesi, paese fondato 530 anni fa, il 30 agosto 1488 da esuli albanesi scappati dalla propria patria in seguito all’invasione turca, ha nel dna dei suoi abitanti lo spirito dell’accoglienza e della ricettività e integrazione nei confronti degli altri. Sono di pochi anni fa gli esempi dei fratelli albanesi scappati negli anni '90 dalla madre terra e che qui hanno trovato la loro seconda patria. Il coronamento del sogno dei due giovani che sabato sono convogliati a nozze, è l’occasione per la dimostrazione chiara netta e concreta di due cuori che si incontrano senza distinzione di appartenenza di colore della pelle o di fede. Sotto lo stesso tetto i due ragazzi scriveranno una bellissima pagina di integrazione ed appartenenza a un’unica famiglia. Infiniti auguri da parte di tutta la comunità a Enza e Jean Marie”. 
.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Sanità palermitana in lutto, è morto il cardiologo Giuseppe Andolina

  • Bertolaso in Sicilia in barca, Fava: "Per lui la quarantena non vale?"

Torna su
PalermoToday è in caricamento