Rivoluzionò la cura della leucemia fulminante: morto il palermitano Francesco Lo Coco

L'ematologo se n'è andato a 63 anni. Negli scorsi mesi era stato premiato a Stoccolma, guadagnandosi la notorietà internazionale: "Le sue ricerche resteranno famose nel mondo perché il suo nome è legato alla scoperta della prima cura per guarire una leucemia senza usare la chemio"

Francesco Lo Coco

E' morto ematologo palermitano Francesco Lo  Coco, ordinario di Ematologia all'università di Roma Tor Vergata, scomparso prematuramente ieri 3 marzo nella Capitale. Originario di Palermo, classe 1955, brillante allievo di Franco Mandelli, Lo Coco ha guadagnato la notorietà internazionale per aver determinato, con i suoi studi, importanti passi avanti contro la 'leucemia fulminante'. Per queste ricerche ha ottenuto diversi riconoscimenti, fra i quali  l'edizione 2018 del 'José Carreras Award' all'ultimo congresso della Società europea di ematologia Eha, nel giugno scorso a Stoccolma.

Nel corso della sua carriera, Lo Coco si è occupato principalmente di  caratterizzazione genetico-molecolare e terapia delle neoplasie  ematologiche. Ha pubblicato oltre 300 articoli originali su riviste  internazionali peer-reviewed, principalmente incentrati sulla  diagnostica e il monitoraggio molecolare di leucemie e linfomi, e in  particolare sulla leucemia acuta promielocitica. E' stato anche  presidente della Società italiana di ematologia sperimentale  (2000-2002), componente della Commissione per la ricerca sanitaria del ministero della Salute (2001-2002), membro del Comitato Tecnico-Scientifico della Firc-Airc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul sito del Gruppo italiano malattie ematologiche dell'adulto  (Gimema), che lo ricorda in home page, il saluto commosso del presidente Marco Vignetti. "Siamo cresciuti insieme, un manipolo di ragazzi - i ragazzi di via Benevento - accanto ad un semi-Dio, perché questo era Franco Mandelli per noi", scrive Vignetti. "Siamo diventati uomini e stavamo appena iniziando a diventare 'anziani' - aggiunge - e tu sei uno di quelli che aveva raggiunto meritati e prestigiosi  traguardi, per molti altri invidiabili e per molti inaccessibili. Le tue ricerche erano - sono e resteranno - famose nel mondo perché il tuo nome è legato alla scoperta della prima cura per guarire una leucemia senza usare la chemio, e questo ha un valore simbolico  ineguagliabile nella storia della lotta dell'uomo contro i tumori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento