L'incidente in via dell'Olimpo, la rinascita: diventa infermiera nel reparto che le ha salvato la vita

Il 4 giugno 2009 Martina Giannone - una ragazza palermitana di 17 anni - rimane gravemente ferita mentre sta andando a una festa. Viene portata prima a Villa Sofia, poi al Giglio di Cefalù. Qui - durante il lungo recupero - si innamora della professione

E' il 4 giugno 2009. Martina Giannone - una ragazza palermitana di 17 anni - sta andando a una festa di compleanno con alcuni compagni di scuola. In via dell'Olimpo a Mondello, improvvisamente la macchina sbanda, si schianta all'altezza di una fermata dell'autobus. Martina è grave, viene subito portata in ospedale, a Villa Sofia. Un mese dopo lascia l'ospedale, viene portata nell’unità di risveglio della Fondazione Giglio di Cefalù, dove trascorrerà altri 28 giorni. Poi finalmente i suoi occhi si sono aperti.

"Ero afona, non riuscivo a parlare - dice oggi la ragazza a MadoniePress -. Mi rendevo conto di essere sveglia ma una grande confusione mi impediva di capire appieno cosa mi stesse accadendo". Quindi la lunga degenza nel reparto di neuroriabilitazione ed il lento recupero. "Tutto il personale del reparto mi ha trasmesso una straordinaria sensazione di fiducia in me stessa e nella possibilità di tornare la Martina di sempre, quella che amava ballare, truccarsi, vestire bene. Non riuscivo a vedermi sempre in pigiama, sempre a letto, così spesso trascorrevo il mio tempo in infermieria”.

E in quei giorni scocca la scintilla. Martina - stando a contatto con lo staff degli infermieri - comincia a sviluppare una passione per questa professione. E come racconta MadoniePress, terminato il percorso di riabilitazione la ragazza si iscrive all’università e nel 2014 consegue il diploma di laurea in scienze infermieristiche. Poi il tirocinio formativo di due mesi proprio al Giglio di Cefalù, il primo contratto a tempo determinato di nove mesi. Infine Martina risulta fra i vincitori del concorso a tempo indeterminato bandito dalla Fondazione. "Siamo orgogliosi della nostra collega Martina - ha detto il presidente dell’ordine degli infermieri di Palermo Franco Gargano -. Una storia intensa, drammatica, che ci fa capire l’importanza della nostra professione. Viviamo a stretto contatto con i pazienti ed ogni gesto, anche il più piccolo ed apparentemente insignificante, riveste un’importanza straordinaria per inculcare in chi attraversa un momento di difficoltà, una sensazione di fiducia in se stesso e nella struttura sanitaria che lo ha preso in cura”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Complimenti per lo spot pubblicitario... Sfugge un passaggio... (numero aperto)?

  • Avatar anonimo di klauss
    klauss

    mi aspetto il commento dell acido di turno che critichi  questa fortissima ragazza. Con la forza di volonta tenacia e intelligenza si puo ottenere tanto! e senza raccomandazioni...

  • Una bellissima storia! Congratulazioni Martina!!

  • Avatar anonimo di giovanni
    giovanni

    ciao sono giovanni io ho avuti diversi ricoveri e interventi di una certa importanza ti capisco di auguro un mondo di bene e soprattutto buon lavoro

  • Bella notizia

  • Complimenti Martina!!

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    Complimenti...

  • Sono onorato ed orgoglioso di avere una Collega che ha scelto questo percorso in "conseguenza" di una esperienza così tragica ma anche così importante per il suo futuro professionale. Queste storie "fanno bene" alla Professione e servono da incoraggiamento per tutti quei Professionisti che ogni giorno pur fra mille difficoltà e scarsi riconoscimenti economici e sociali offrono un servizio di valore a tutta la collettività. Senza il contributo degli Infermieri non può esserci un sistema sanitario adeguato (seppure fra tante, tante, carenze).

    • Concordo!!

  • ogni tanto un lieto fine

  • Grande Martina, complimenti per il tuo grande percorso!!!

  • grande Martina....sei l'esempio di tutti noi.

Notizie di oggi

  • Politica

    "Cittadino italiano", il giuramento davanti al sindaco: risolto il caso del giovane figlio di rifugiati

  • Cronaca

    Omicidio a Partinico, donna accoltella il marito e poi si costituisce

  • Cronaca

    "Finiti i lavori sul ponte di via Basile": viale Regione torna alla normalità

  • Cronaca

    Corso Tukory, sgomberato il mercatino degli abusivi: liberato l'ingresso del Gemmellaro

I più letti della settimana

  • Boss si pente, terremoto nella mafia palermitana: arrestati il nipote del "Papa" e il figlio di Lo Piccolo

  • Incidente in via Libertà, tre feriti gravi: "Urla strazianti, un intero quartiere è sceso in strada"

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, auto contro scooter: morto sedicenne

  • Via Oreto, muore d'infarto mentre è al volante

  • Inseguimento da film, furgone contromano in viale Regione si scontra con la polizia: 4 feriti

  • Maxi incidente al porto, coinvolte tre auto e una volante della polizia

Torna su
PalermoToday è in caricamento