"Make in italy", Aiesec riapre le iscrizioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

AIESEC riapre le iscrizioni per diventare membri volontari! Hai tempo fino al 3 Ottobre per iscriverti in uno dei 21 comitati locali presenti in tutta Italia (tra cui Palermo, Milano, Roma, Torino, Venezia, Catania, Napoli, e molti altri). AIESEC nasce nel 1948, come risposta di alcuni giovani alle violenze della Seconda Guerra Mondiale. L’obiettivo è fin da subito quello di promuovere in tutto il mondo la cooperazione internazionale e la condivisione tra culture, sviluppando una leadership consapevole nei giovani. Tutto questo attraverso esperienze di volontariato e tirocini professionali. Nel tempo, siamo cresciuti fino a diventare il network giovanile più grande al mondo! Diventare membro di AIESEC Italia vuol dire gestire le persone che partono per gli scambi internazionali, o creare nuovi progetti sul nostro territorio. Ma, per noi vuol dire prima di tutto sentire la responsabilità di agire.

Noi giovani, infatti, abbiamo l’occasione di cambiare il nostro Paese, e renderlo più simile a come lo vorremmo. E’ proprio da questo che nasce il concetto di “Make in Italy”. “Make in Italy”, per noi, significa contribuire al cambiamento, credere nella diversità culturale come un valore aggiunto, e fare leva sulla competitività del nostro paese, dando le competenze lavorative ai giovani per farli risaltare nella carriera futura. Dietro ogni nostra esperienza di mobilità internazionale, potrebbe esserci proprio il tuo contributo! Potrai creare in prima persona un’attività di cooperazione internazionale e facilitare una comunicazione costruttiva tra generazioni e culture. Iscriverti è facile! Registrati sul nostro sito e verrai contattato da un nostro responsabile locale, che ti mostrerà tutti gli step successivi.

Sito per registrarsi: aiesec.it/join Mail per maggiori informazioni: palermo@aiesec.it

Torna su
PalermoToday è in caricamento