Adesso spunta anche il libro della cucina mafiosa: "Situazione sempre più inquietante"

Lo sfogo del presidente regionale Coldiretti, Francesco Ferreri: "L'immagine della Sicilia è offuscata dalla crescita di questo fenomeno. Dal caffè “mafiozzo” al vino “padrino”, c’è un paniere di prodotti che inneggiano a Cosa nostra"

Frutti tropicali, agrumi, trattori, olio, motori: ogni giorno nelle campagne siciliane viene rubato di tutto e solo maggiori controlli riducono il danno che gli agricoltori sono costretti a subire. E’ quanto afferma il presidente regionale Coldiretti, Francesco Ferreri, commentando il rapporto elaborato da Coldiretti, Eurospes e Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare presentato oggi in base al quale il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Ferreri ha parlato anche della malavita in cucina (c'è in vendita il libro di ricette della mafia).

"Il quadro disegnato  – prosegue Ferreri - è davvero inquietante perché emerge che la rete criminale ancora di più si incrocia perfettamente con la filiera del cibo, dalla sua produzione al trasporto, dalla distribuzione alla vendita, con tutte le caratteristiche necessarie per attirare l’interesse di organizzazioni che via via abbandonano l’abito “militare” per vestire il “doppiopetto” e il “colletto bianco”, riuscendo così a scoprire e meglio gestire i vantaggi della globalizzazione, delle nuove tecnologie, dell’economia e della finanza tanto che ormai si può parlare ragionevolmente di mafia 3.0".

"Ma ancora più inquietante – conclude il presidente regionale Coldiretti – è che l’immagine della Sicilia venga offuscata dalla crescita del fenomeno del “mafia sounding” con il marchio “Mafia  Style” nel mondo, dal caffè “mafiozzo” al vino “padrino”, c’è un paniere di prodotti che inneggiano alla mafia o addirittura il libro della cucina mafiosa e questi marchi associano l’isola alle mafie. L’impegno delle forze dell’ordine, come si evince dallo studio, è sempre più massiccio e capillare ma evidentemente deve essere rafforzato soprattutto in alcuni anelli della filiera visto che l’agroalimentare attira sempre più delinquenti".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Idioti e basta.

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    Pure molti film e fiction danno una brutta immagine del sud e della Sicilia e sono pure diseducativi per i ragazzi che li vedono. (Gomorra per esempio).

    • Avatar anonimo di Chiunque
      Chiunque

      Ma tu Gomorra l'hai mai visto? Persino i personaggi cui più ti 'affezioni' vanno a finire male, e sono contornati da gregari che alpiù risultano buzzurri e patetici. Concretamente l'effetto che ha Gomorra sui ragazzi è l'esatto opposto di quello che ti aspetti... Persino le frasi chiave vengono citate solo per ridere della stupidità di chi le dice nella fiction.

  • Signori, siamo noi stessi siciliani a fomentare questo stereotipo. Andatevi a fare un giro alla stazione centrale, avete presente le bancarelle stracolme di padrini, picciotti con la lupara e aneddoti sull'omertà stampati su cappellini e magliette? Ecco, se non siamo noi per primi a rispettare noi stessi, non possiamo pretendere che gli altri lo facciano.

  • Cosa si fa x il turismo...

  • Spero che un giorno di tutta questa merda che ci sommerge, resti solo un brutto ricordo.

  • Vergognoso, irrispettoso verso i sottomessi ed i morti per mano della mafia! E ancor più scandaloso e vergognoso chi compra certe ca**te!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il camionista palermitano che sognava una strage in nome dell'Isis: convalidato il fermo

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Villabate, furto in chiesa durante la Settimana Santa: rubati il pc del parroco e le offerte

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento