Installazione artistica vandalizzata alla Magione, "Crossover" verrà restaurata

L’opera di Giuseppe Lana per ÜberMauer sarà ripristinata a cura della Fondazione Merz: "La rimozione sarebbe stata una perdita per tutti"

Crossover, l’opera che il giovane artista siciliano residente a Londra Giuseppe Lana aveva appositamente concepito per piazza Magione, com’è noto è stata pesantemente vandalizzata. L’opera, interamente prodotta e installata grazie a sostenitori privati e alla Fondazione Merz, ha subito gravi danni ma verrà in ogni caso ripristinata nei prossimi giorni. Crossover potrà così rientrare nel percorso di mostra che rimane comunque aperto sino all’8 dicembre prossimo.

"L’artista e la Fondazione - si legge in una nota - concordano nell’evidenziare che atti spiacevoli quali quelli che hanno interessato l’opera non rientrano nelle logiche di dialogo e accoglienza che sono state invece alla base di tutta la Biennale. Bam ha offerto e offrirà ancora luoghi, opere e occasioni utili a favorire riflessioni e scambi. La rimozione dell’opera sarebbe stata una perdita per tutti. Noi invece, insieme al quartiere, alla società civile e alla comunità culturale di Palermo, intendiamo continuare il percorso che, speriamo, vedrà infine tutti capaci di dialogare civilmente sentendosi inclusi e parte di un progetto condiviso per la città e tutti i suoi abitanti. Tutto ciò - conclude la Fondazione - proprio a partire da un luogo così simbolico per la storia antica e recente di questa città, quale la Magione".

installazione danneggiata-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento