Lotta alla leucemia, Itaca Day alla Cala: la cura e la riabilitazione vanno in barca a vela

Pazienti e volontari insieme per il progetto “…Sognando Itaca”, organizzato da Ail in occasione della Giornata nazionale contro leucemie, linfomi e mieloma

L’ematologia va in barca a vela per risollevare il morale e migliorare la qualità della vita ai pazienti e a coloro che hanno sconfitto la leucemia. E' l’obiettivo del progetto “…Sognando Itaca”, organizzato da Ail in occasione della Giornata nazionale contro leucemie, linfomi e mieloma e che si conclude a Palermo con l’Itaca Day per festeggiare i 25 anni di Ail Palermo. La giornata di informazione sulla velaterapia per i malati onco-ematologici si è svolta al Circolo Canottieri della Cala di Palermo, con la partecipazione di medici, volontari, pazienti ormai guariti, che hanno condiviso anche la bellissima esperienza di una veleggiata, grazie all’equipaggio di “…Sognando Itaca” e alle sette barche messe a disposizione dal Circolo Canottieri e dalla Lega navale.

L’iniziativa è stata l’occasione per fare il punto sull’importante servizio dell’assistenza domiciliare ai malati oncoematologici, di cui ha parlato un giovane medico, Sergio Di Stefano, lanciando anche un appello alla donazione del sangue in questo periodo estivo di grande difficoltà, e dell’accompagnamento psicologico a chi supera «la grande tempesta della malattia» sottolinea la psicologa Claudia Lo Castro.

Sono intervenuti tra gli altri il tesoriere di Ail Palermo-Trapani, Salvo Li Muti; l’assessore comunale al Bilancio, Roberto D’Agostino; il vicepresidente di Ail nazionale, Daniel Lovato; il presidente di Ail Palermo, Pino Toro. "Il nostro impegno quotidiano accanto ai malati dimostra che nella lotta alle leucemie, ai linfomi e al mieloma – sottolinea Toro – c’è la prevenzione, c’è la cura, ma c’è anche la iabilitazione, che è un aspetto importantissimo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le numerose attività messe in campo dalla sezione di Ail Palermo dimostrano che qui i volontari fanno la differenza – dice il vicepresidente di Ail nazionale, Lovato – L’assistenza domiciliare che si fa a Palermo è tra le migliori in Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento