Lo Zen, i neomelodici per Falcone e Borsellino e il silenzio di Mattarella: l'ultima fatica di Maresco

Il terzo e ultimo film italiano a sfilare nel concorso principale della Mostra del Cinema di Venezia, "La mafia non è più quella di una volta", si chiude con una stilettata al presidente della Repubblica. Il protagonista è ancora Ciccio Mira, lo stesso di "Belluscone"

Letizia Battaglia e Franco Maresco

Da Ciccio Mira a Sergio Mattarella. Passando per i neomelodici, lo Zen, Falcone e Borsellino, i silenzi e le ammissioni. L'ultima fatica di Franco Maresco, terzo e ultimo film italiano a sfilare nel concorso principale della Mostra del Cinema di Venezia, si chiude con una stilettata al presidente della Repubblica. "La mafia non è più quella di una volta" è una docufiction nello stile dei precedenti lavori del regista palermitano, che ruota tutta intorno alla fatica che ancora molti palermitani fanno a dichiarare la loro distanza dalla mafia e all'omertà che regna sovrana, nel dare conto ad un certo punto della sentenza del processo sulla cosiddetta 'trattativa' Stato-mafia, sottolinea il silenzio sull'argomento di Mattarella.

Questo silenzio diventa poi oggetto di un'intervista di Maresco al protagonista del film, lo stravagante organizzatore di feste di piazza Ciccio Mira, al quale il regista chiede se sia d'accordo con il silenzio di Mattarella. La risposta è positiva e la spiegazione di Mira è che "i palermitani ce l'hanno nel Dna il silenzio". Il film, la cui proiezione per la stampa è stata punteggiata da risate e applausi, viene definito dallo stesso regista (che ha deciso di non venire al Lido a presentarlo) nelle note di regia affidate alla Biennale "l'inevitabile seguito di 'Belluscone. Una storia siciliana', presentato a Venezia nel 2014" e sarà nelle sale dal 12 settembre distribuito da Cinecittà Luce.

Il racconto prende le mosse dal venticinquesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D'Amelio, nel 2017. E il protagonista è ancora Ciccio Mira, lo stesso di 'Belluscone'. Mira, da un lato si dichiara nostalgico della "mafia di una volta", dall'altro sembra voler dare il suo contributo alla celebrazione dei due giudici eroi, organizzando un singolare evento nel quartiere Zen di Palermo: "i neomelodici per Falcone e Borsellino".

Evento che tradisce (mentre già qualcuno nel quartiere si infastidiva) ogni aspettativa perché né l'impresario né i cantanti hanno intenzione di dichiarare la loro avversione per la mafia, tanto che Falcone e Borsellino, in un crescendo di insensatezza, vengono definitivi eroi che hanno dato tanto a Palermo, "dall'illuminazione, ai giardini, agli asili nido". Questa volta, però, Maresco decide di inserire una coprotagonista che faccia da contraltare con la sua passione civile e politica, Letizia Battaglia, la fotografa oggi ultraottantenne che con i suoi scatti ha raccontato le guerre di mafia, definita dal New York Times una delle "undici donne che hanno segnato il nostro tempo" e sulla quale Maresco ha recentemente realizzato un documentario più tradizionale.

Maresco, con la sua voce fuoricampo sempre vocata al disincanto, guida lo spettatore in questo duetto tra i palermitani che non vogliono in alcun modo parlare male della mafia (non riuscendo a far dire a nessuno 'io dico no alla mafia') e la Battaglia. Dopo aver citato il silenzio di Mattarella sulla sentenza della 'trattativa', Maresco lo chiama in causa anche raccontando che Ciccio Mira vorrebbe chiedere al presidente la grazia per un suo nipote detenuto in regime di 41bis (ma l'impresario anche qui ammetterà solo di volergli chiedere un favore per una persona carissima e opporrà il silenzio sull'identità del detenuto).

Per questo nel finale del film, il regista immagina che Mira organizzi allo Zen un altro evento: "I neomelodici per Sergio Mattarella". "Devo ammettere che non è stato per niente facile, cinque anni dopo - afferma nelle note di regia Maresco, che al momento non vuole rilasciare interviste - tornare a raccontare una storia con dentro, ancora una volta, i cantanti neomelodici e la mafia. La mia sensazione, però, è di essermi spinto oltre rispetto al film precedente. In un territorio in cui la distinzione tra bene e male, tra mafia e antimafia, si è azzerata e tutto, ormai, è precipitato in uno spettacolo senza fine e senza alcun senso".

Fonte: Adnkronos
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in moto, morto cuoco palermitano di 36 anni a Padova

  • Polizzi Generosa, netturbino morto folgorato: colpito da un fulmine mentre lavorava

  • E' morto il fratello di Franco Franchi: per più di 30 anni gestì il bar di via Cavour

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • Un'intera strada rubava la luce: scoperti 8 mila metri quadri di costruzioni abusive a Carini

  • Ex imprenditore trovato morto in casa, giallo a Terrasini: indagano i carabinieri

Torna su
PalermoToday è in caricamento