Stenografo all’Ars, palermitano insignito Cavaliere al merito della Repubblica Italiana

Si tratta del 43enne Fabrizio Gaetano Verruso. Figlio di un giornalista bagherese, il neo cavaliere è stato due volte primatista ai campionati mondiali Intersteno per la sezione riconoscimento vocale

Il 43enne palermitano Fabrizio Gaetano Verruso, Stenografo Parlamentare all’Assemblea Regionale Siciliana dal 2003, è stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica Italiana. Figlio di un giornalista bagherese, il neo cavaliere è stato due volte primatista ai campionati mondiali Intersteno per la sezione riconoscimento vocale. Medaglia d'argento in resoconto sommario, è stato più volte anche campione italiano di stenografia alle storiche gare nazionali indette dall'Ente unitario per il segretariato italiano con il patrocinio del Ministero dell'istruzione. Laureato in Scienze politiche, si è anche specializzato in diritto regionale e degli enti locali.

Membro del comitato direttivo dell'Accademia di multimedialità della comunicazione, "Aliprandi e Rodriguez" di Firenze, è stato anche relatore internazionale in diversi congressi sul tema della resocontazione parlamentare e convegnistica. "Un onore - dichiara Verruso - che il Presidente della Repubblica mi piace voler interpretare come aver voluto riservare a una categoria professionale che, in silenzio ma con operosità, rivolge a favore della comunicazione istituzionale e a servizio dunque della Democrazia".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Via Marchese di Roccaforte, comprano borragine ma è mandragora: gravi madre e figlia

Torna su
PalermoToday è in caricamento