Da Agrigento a Palermo a dorso di un mulo: l'eco tour 2019 è plastic free

La prima tappa del viaggio che Federico Bruno e i suoi compagni si apprestano a fare sarà Santo Stefano di Quisquina, uno dei primi comuni italiani a mettere al bando la plastica: "Utilizzeremo solo stoviglie biodegradabili per preservare il pianeta da fonti di inquinamento impossibili da smaltire"

Dal tempio della Concordia di Agrigento fino al santuario di Santa Rosalia a Palermo passando per l'Eremo di Santo Stefano di Quisquina, primo Comune Plastic free. E' l'itinerario del nono viaggio a dorso di mulo che Federico Bruno e i suoi compagni si apprestano a fare. L'iniziativa è nata con l'obiettivo di accendere i riflettori sul mondo contadino siciliano e sulla necessità di valorizzarlo anche per dare la possibilità alle giovani generazioni, sempre più spesso costrette a lasciare i loro paesi di origine, di restare. Quest'anno l'Ecomulo tour, che come da tradizione partirà il primo maggio, sposerà anche la causa plastic free.
 
Durante tutto il percorso la plastica sarà messa al bando: i viaggiatori utilizzeranno solo stoviglie biodegradabili, per rendere il pianeta terra più pulito e preservarlo da fonti di inquinamento impossibili da smaltire. "La plastica - dichiara Bruno - sta invadendo il nostro pianeta. Non c'è luogo, seppure sperduto ma dal quale sia passato un uomo, che non presenta tracce di plastica. Un tappo di bottiglia, nella migliore delle ipotesi, un copertone abbandonato nella peggiore, un sacchetto che ha contenuto vivande per una scampagnata, nei casi più frequenti. Sarà anche l'effetto Greta ma crediamo che la sensibilizzazione nei confronti della plastica e della messa al bando di tutti degli oggetti inutili e superflui fabbricati a tonnellate e dispersi per il pianeta, sia ormai inderogabile. Ecomulo non può che farsi carico del tema Plastic free per la sua naturale vocazione ambientalista e naturalista e per il tema del recupero e della valorizzazione del mondo agreste sotto molteplici aspetti".

Le tappe del viaggio a dorso di mulo

Federico Price Bruno e i suoi compagni di viaggio partiranno dalla Valle dei Templi, ai margini meridionali del Parco dei Monti Sicani. Il viaggio per le trazzere del Parco li porterà per la prima tappa a Santo Stefano di Quisquina, luogo scelto per un duplice scopo: perché è il luogo nel quale Santa Rosalia ha trascorso una parte importante della sua vita da eremita e perché il sindaco, Francesco Cacciatore, è uno dei primi cittadini d'Italia che ha messo al bando la plastica dal suo Comune: "Accanto ad un aumento della raccolta differenziata, il sindaco e l'assessore al ramo Alberto Madonia si sono posti come obiettivo quello di ridurre la produzione di rifiuti e da gennaio scorso, i titolari degli esercizi commerciali del Comune forniscono solo materiali monouso biodegradabili e sacchetti di plastica dello stesso tipo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • Incassa il reddito di cittadinanza ma lavora (in nero) in un panificio, denunciato

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

Torna su
PalermoToday è in caricamento