Sport, musica e natura: alla Favorita di scena “il più grande spettacolo del weekend”

Taglio del nastro per “La Domenica Favorita” domenica 17 marzo, poi si replicherà 7 e 14 aprile e il 5 e il 12 maggio. Orlando: "Pronto un progetto per l'utilizzo del parco per 365 giorni all'anno". Gli ideatori della manifestazione: "Il sogno è un un parco aperto ai cittadini e chiuso alle macchine"

Un'immagine dell'edizione dello scorso anno

Lo hanno definito “il più grande spettacolo del weekend” parafrasando la celebre canzone di Jovanotti. E nel palinsesto del grande spettacolo, che apre le porte del Parco della Favorita per il terzo anno consecutivo, ci hanno messo dentro giochi e cultura, sport e divertimento, musica e natura. Taglio del nastro per “La Domenica Favorita” domenica 17 marzo. Un antipasto, data la coincidenza con la partita del Palermo in casa che non permetterà di amplificare al massimo tutte le attività. Si entra nel vivo solo il 7 e il 14 aprile per poi finire il 5 e il 12 maggio (sarà fatta una piccola pausa soltanto per la domenica di Pasqua e per quella successiva).

Il programma delle giornate

Nata nel 2016, “La Domenica Favorita” ha un obiettivo chiaro e preciso: portare le famiglie a vivere il parco, apprezzarlo e rispettarlo proprio come fosse Central Park. E, al famoso parco di New York, fa riferimento anche il sindaco Orlando, quando alla conferenza stampa di presentazione a Palazzo delle Aquile, racconta che “l’obiettivo è aprire il parco di Palermo per 365 giorni all’anno”. Un pallino, questo, già più volte dichiarato dallo stesso professore che, stavolta però, si spinge un po' più in là. “Il 19 maggio - anticipa Orlando - ovvero la prima domenica in cui saranno spenti i riflettori sul parco, presenteremo un progetto che metterà a regime l’utilizzo della Favorita. Metteremo in sinergia tutte le associazioni, presenteremo un protocollo d’intesa. Questo potrà garantire la fruibilità del parco tutto l’anno. E la prossima tappa sarà la Valle dell’Oreto. Perché, con la riserva di Monte Pellegrino di cui fa parte il parco della Favorita, è il bene ambientale più importante della città. Se è vero che per far nascere un ‘picciriddu’ ci vogliono nove mesi, per far rinascere una città ce ne vogliono un poco di più. Ma noi siamo sulla buona strada”.

Scivolo bruciato al parco giochi di via Case Rocca: "L'indifferenza del Comune"

A fargli da eco il non ancora assessore al Decoro Fabio Giambrone, subentrato a Sergio Marino, oggi ringraziato e applaudito dallo stesso sindaco “per questi anni straordinari”. “Ieri seguivo da cittadino, oggi seguo da prossimo assessore un’iniziativa che raccoglie moltissimi palermitani e non solo - afferma il nuovo vicesindaco alla conferenza stampa che segna il suo debutto in giunta -. Quello che sembrava un sogno oggi è diventato una realtà. Vogliamo infatti che le domeniche non siano appena 5 ma diventino almeno 52. Un passo in più, una domenica in più, per continuare il percorso che ha già intrapreso questa amministrazione di cui, da oggi, faccio parte anche io. Indietro non si torna”.

Orlando giambrone sala lapidi consiglio comune-3

Cinquantamila presenze nelle scorse edizioni, oltre quaranta attività tra gioco, cultura e sport, più di quaranta soggetti pubblici e privati coinvolti per la realizzazione degli eventi, “La Domenica Favorita” nasce da un’idea di Marco Lampasona, Fabio Corsini e Nicola Tricomi. “Questo progetto nasce da un sogno - spiega Lampasona, uno dei soci fondatori del comitato omonimo -. Ho immaginato il parco aperto ai cittadini e chiuso alle macchine. Ho condiviso questo sogno con altri due sognatori. Abbiamo coinvolto poi il sindaco, l’amministrazione, associazioni ed enti. Il parco urbano della Favorita è il più grande d’Ialia ma anche l’unico al mondo ad essere all’interno di una riserva. Abbiamo una Ferrari ma non dobbiamo tenerla in garage posteggiata”.

Si parte dunque domenica 17 marzo, alle ore 10.15, con la celebrazione eucaristica all’interno della cappella del Museo Pitrè, aperta eccezionalmente per l’occasione. Alla termine della messa, la banda meccanizzata Brigata Aosta eseguirà l’inno nazionale. Si finisce alle 14, con attività che vedono in piazza sport, giochi e cultura. Il parco, per quella domenica, resterà aperto al traffico e l’accesso alle iniziative sarà consentito da Villa Niscemi e dalla Palazzina Cinese. Nelle prime due domeniche d’aprile e nelle prime due di maggio, invece, anche la mobilità del parco cambierà. Intanto si aspetta la celebre mongolfiera che quest’anno non volerà ma si trasformerà in un teatro pronto ad accogliere bambini e laboratori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento