Arcivescovo nominato cardinale dal Papa, indossa croce realizzata da artista siciliano

E' fatta con il legno dei barconi di disperati che ogni giorno giungono a Lampedusa. Dietro c'è scritto Suscipe che in latino vuol dire accogli, accetta ma anche sostieni, sorreggi. A realizzarla Domenico Pellegrino

La croce realizzata da Domenico Pellegrino

Suscipe in latino vuol dire accogli, accetta ma anche sostieni, sorreggi. Non esiste un termine più corretto per indicare il bisogno di chi giunge, dal mare o dalla terra poco importa, di sentirsi accolto, accettato, sorretto. Suscipe è anche il termine riportato dietro la croce realizzata dall'artista siciliano Domenico Pellegrino, formatosi all'accademia delle Belle arti di Palermo, con il legno di uno dei tanti barconi di disperati che giungono a Lampedusa: la croce è stata scelta dall’arcivescovo Michael Czerny che l’ha indossata – oggi pomeriggio, sabato 5 ottobre – dinanzi Papa Francesco che l’ha appena nominato cardinale, alla vigilia dell’apertura del Sinodo per l’Amazzonia.

Il Papa ha nominato 13 nuovi cardinali, tra questi appunto il gesuita slovacco-canadese, 73 anni, dal 2016 Sottosegretario della sezione Migranti del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale. La croce di Pellegrino cammina sui simboli: rosso, blu, il legno amaro e salato. Il rosso divide trasversalmente la croce che accoglie il sacrificio del Figlio; il chiodo richiama il simbolo dei Gesuiti, e incide il legno, si immerge nelle nervature, nel colore come una ferita aperta. Il retro della croce è blu: come il Mar Mediterraneo, accoglienza e tomba. Il colore penetra il legno, lo riempie di rivoli sibillini, come un mappa rugosa di territori che si intersecano gli uni sugli altri. I confini non esistono più, e con essi la distanza tra gli uomini. Michael Czerny si è sempre occupato dei bisogni di migranti, rifugiati e vittime della tratta di esseri umani, con un'attenzione particolare per chi è costretto ad abbandonare il suo Paese, per motivi diversi.

La notizia della nomina a cardinale di Papa Francesco lo ha raggiunto alla periferia di San Paolo, in Brasile, dove stava partecipando ad un incontro di Movimenti popolari dell'America Latina in vista del futuro Sinodo sull'Amazzonia. “E’ un segno anche per chi vive le periferie e si sente abbandonato – ha detto Czerny – Ma deve essere uno scambio: la Chiesa deve imparare ad accompagnare i movimenti popolari e questi ultimi devono comprendere che la Chiesa è pronta e disposta ad accompagnarli”. Poche ore dopo la notizia, ne è giunta un’altra: ad una delle navi di soccorso che incrociano nel Mediterraneo, la Mare Jonio, che era stata bloccata al largo di Lampedusa, è stato concesso l’attracco. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento