Concertone di Radio Italia, via al conto alla rovescia: al Foro Italico spunta mega palco

Maestranze al lavoro per completare il montaggio. L’evento, gratuito, dopo due anni torna a Palermo. Si esibiranno alcuni degli artisti più ascoltati del momento: dal vincitore del Festival di Sanremo Mahmood ad Achille Lauro, passando per Ghali, Irama e i Thegiornalisti

Iniziato il conto alla rovescia per l'edizione 2019 del concertone di Radio Italia che sabato accenderà il Foro Italico. Le maestranze sono al lavoro per completare il montaggio del mega palco sul quale saliranno alcuni tra artisti più ascoltati del momento: dal vincitore del Festival di Sanremo Mahmood - autore del brano "Soldi", canzone italiana più ascoltata di sempre - ad Achille Lauro, passando per Ghali, Irama e i Thegiornalisti. Sul pratone del Foro Italico si esibiranno live anche icone delle musica nostrana come Fiorella Mannoia e Paola Turci. 

L’evento, come sempre gratuito e realizzato grazie alla collaborazione con il Comune di Palermo, dopo due anni torna nel capoluogo siciliano, protagonista insieme a Milano dove il concerto è già andato in scena lo scorso 27 maggio in piazza Duomo. A presentare l'edizione palermitana saranno Luca Bizzari e Paolo Kessisoglu. Nel backstage ci sarà lo speaker Marco Maccarini che intervisterà i protagonisti della kermesse. Alla speaker Manola Moslehi il compito di raccogliere le emozioni del pubblico. 

La lista completa delle esibizioni

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperone sotto shock, annuncia suicidio su Facebook e si toglie la vita

  • E' morto "U Zu Totò", per 50 anni ha fritto panelle e crocchè accanto alla Fiera

  • I palermitani con la colla sulle mani, la "banda dell'Attak" fermata prima del colpo in banca

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

Torna su
PalermoToday è in caricamento