Zen, la biblioteca Giufà entra a far parte del Sistema nazionale: "Sogno che diventa realtà"

Lo spazio, ospitato nei locali comunali di via Fausto Coppi, diventa anche punto locale di "Nati per Leggere", programma di promozione della lettura per le famiglie e i bambini fino ai 6 anni. Il sindaco Orlando: "Splendida esperienza di riscatto sociale che nasce dalla cultura"

La biblioteca "Giufà" entra a far parte ufficialmente del Sistema bibliotecario nazionale. Ospitata nei locali comunali di via Fausto Coppi, allo Zen, e gestita dal Laboratorio Zen Insieme col supporto di Save the Children e dell'Istituto Treccani, lo spazio culturale diventa anche punto locale di "Nati per Leggere", un programma nazionale di promozione della lettura per le famiglie e i bambini fino ai 6 anni di età, sviluppato insieme all'Associazione culturale pediatri, l’Associazione italiana biblioteche e il Centro per la salute del bambino.

"Una splendida esperienza di riscatto sociale - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - che nasce dalla cultura, che vede lavorare accanto l'Amministrazione pubblica, le associazioni, il privato sociale e che ci racconta di come ciascun quartiere della città abbia al proprio interno energie, entusiasmo e risorse per costruire il proprio riscatto con l'aiuto del Comune. Non credo che sia un caso che negli ultimi giorni abbiamo festeggiato per due volte momenti importanti proprio qui allo Zen, prima con il compleanno del campetto di calcio e oggi con questa splendida biblioteca".

Le attività svolte e il programma della biblioteca e di "Nati per leggere" sono stati presentati stamattina allo Zen. "Nati per Leggere – ha spiegato Antonella Provenzano, di Nati per Leggere Palermo - quest'anno compie vent'anni e non potevamo chiedere regalo migliore di una nuova casa, di un nuovo rifugio: la biblioteca Giufà allo Zen. Nasce oggi il secondo punto lettura NpL della città, che vuole essere uno spazio di condivisione per tutti i bambini, le bambine e le famiglie del quartiere".

"Oggi abbiamo raccontato – ha sottolineato Mariangela Di Gangi di Laboratorio Zen Insieme - dei risultati che potevamo solo sognare qualche anno fa, quando siamo partiti con questo piccolo grande progetto di una biblioteca nel cuore dello Zen. Giufà ci permette di raccontare ciò che allo Zen già c'è e che ancora purtroppo manca in tanti altri quartieri: una biblioteca  per bambini e bambine, ragazzi e ragazze. Una biblioteca può sembrare quasi futile rispetto alle tante difficoltà che ancora esistono in questo quartiere, ma è invece ciò che ci permette di sganciarci dalla logica del qui e dell'ora, di cui ci si può continuare ad occupare anche programmando un futuro in cui le condizioni che causano le difficoltà di oggi non si ripetano. Non ci fermiamo qui, ovviamente, e la nostra biblioteca rimane, e lo è sempre di più, a disposizione della nostra comunità e della città tutta"."Attraverso la promozione della lettura, bene collettivo e sociale da condividere – ha detto Massimo Merlino di Save the Children - continua la nostra azione di contrasto della povertà educativa in cui da anni siamo impegnati in prima linea allo Zen".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento