A piazza Marina la maiolica di Madè ed Elmo in memoria di Joe Petrosino

Donata da Pippo Madè e Carmelo Elmo che l'hanno realizzata a Santo Stefano di Camastra negli antichi laboratori Serravalle e dall'Associazione Culturale Festina lente, è stata collocata a Piazza Marina, all'interno del Giardino Garibaldi, in occasione del 110° anniversario dell'omicidio, la maiolica dedicata alla memoria di Joe Petrosino.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Palermo 13.03.2019 - E’ stata, quella di martedì 12 marzo, una giornata molto particolare per l’Associazione Culturale Festina lente di Monreale, infatti, a Palermo, nel Giardino Garibaldi di Piazza Marina, alla presenza delle Associazioni Joe Petrosino di Palermo, di Padula e New York; di Stefano Candiani, Sottosegretario di Stato agli Interni e del Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, in corrispondenza al luogo dove il 12 marzo 1909 venne ucciso dalla “mano norma” il poliziotto italo-americano Joe Petrosino, è stata collocata una maiolica su pietra lavica, realizzata dai Maestri Pippo Madè e Carmelo Elmo e donata, appunto, dall’Associazione Culturale presieduta da Rosario Lo Cicero Madè, dai due Maestri che l’hanno materialmente realizzata e dell’antico laboratorio Serravalle di Santo Stefano di Camastra che ha messo a disposizione i forni e la stessa lastra di pietra lavica. La manifestazione, svoltasi alle 12, ha avuto una premessa nella sede dell’ERSU sita nell’ex Hotel de France, il luogo dove alloggiò lo stesso Petrosino prima di essere trucidato, nel corso della quale è stata data la parola alle Associazioni presenti ed alle Maestranze che, a vario titolo, hanno contribuito alla buone riuscita dell’evento e che ha visto conferire al Maestro Pippo Madè, su decisione del Direttivo dell’Associazione palermitana dedicata al Poliziotto, il “Premio Joe Petrosino”. A consegnarlo all’Artista palermitano, il Sottosegretario Stefano Candiani.

Torna su
PalermoToday è in caricamento